Superiori Generali

Spiritualità

  • Padre Rubens Sodré Miranda

    2018 - 

    NATO: Paranaiguara – GO, Brasile, 2.10.1962

    PRIMA PROFESSIONE: 23.1.1984

    SACERDOZIO: 25.7.1987

    Eletto Superiore Generale a Roma, 15.2.2018

    .

  • Padre Maurizzio Baldessari

    2012 – 2018

    NATO: Trento, 16.6.1950

    PRIMA PROFESSIONE: 10.10.1976

    SACERDOZIO: 8.12.1978

    Incarichi:

    Comunità di san Leonardo

    Parroco a Trento

    Consigliere provinciale 2000-2006  

    Superiore Provinciale 2006-2012 del Sacro Cuore

    Superiore generale eletto a Roma il 13.02.2012 (2012-2018)

    Parroco a Trento

  • Padre Andrea Meschi

    2000 – 2012

    NATO: Bardolino VR, 11.8.1945

    PRIMA PROFESSIONE: 25.9.1962

    SACERDOZIO: 27.6.1970

    Incarichi:

     Parroco a San Leone Magno, Milano

     Parroco a Santa Croce e alla Santissima Trinità, Roma

    Consigliere Provinciale Sacro Cuore

    Padre Provinciale 1997-2000

    Superiore Generale eletto a Roma il 11.02.2000 (2000-2006)      

    Riconfermato Superiore Generale rieletto a Brasilia il 13.02.2006 (2006-2012).

    Parroco a Santa Croce di Roma

  • Padre José Luiz Nemes

    1988 – 2000

    NATO: Santo André – SP, Brasile, 8.9.1944 

    PROFESSIONE TEMPORANEA: 9.12.1963

    PROFESSIONE PERPETUA: 9.12.1966 

    ORDINAZIONE: 7.12.1969

    MORTO: Campinas – SP, Brasile, 24.8.2018

    ETÀ: 73 anni

  • Padre José Alberto Moura

    1982 – 1988

    NATO: Ituiutaba - MG, Brasile, 23.10.1943

    PRIMA PROFESSIONE: 1967

    SACERDOZIO: 9.1.1971

    VESCOVO: 14.7.1990

    Mons. José Moura, nato a Ituiutaba / MG, il 23 ottobre 1943.

    È stato ordinato sacerdote il 9 gennaio 1971. Vieni eletto Superiore Generale nel 1982. 

    É stato consacrato vescovo il 14 luglio 1990 per Uberlândia, nello stato di Minas Gerais.

    Il 7 febbraio 2007 è stato nominato arcivescovo di Montes Claros, nello stesso stato, dove si trova attualmente.

    Ha scelto il motto: "Ho creduto così ho detto".

  • Padre Luigi Dusi

    1976 – 1982

    NATO: Lonato (BS), 20.10.1919

    PRIMA PROFESSIONE: Sezano (VR), 21.10.1940

    SACERDOZIO: Sezano (VR) - 21.10.1940

    MORTO: Verona, 31.7.2006

    ETÀ: 86 anni

    P. Luigi era nato a Lonato (Brescia) da Domenico e Burlotti Caterina. Entrò a Trento nel 1931 e fece il Noviziato nel ’36. Frequentò filosofia e teologia all’Angelicum di Roma, dove conseguì la laurea in teologia. Fu ordinato prete a Roma il 16 luglio 1944. Nei primi anni fu prefetto degli aspiranti e insegnante di filosofia e teologia alla Scuola Apostolica a Galbiate, Cadellara, Sezano e S. Leonardo. Dal 1951 al ’54 ricoprì l’incarico di Maestro dei novizi a Cadellara. Fu poi superiore a Roma S. Croce, a Milano (S. Leone), alle Stimmate e parroco a Trento. Dal 1970 al 1976 fu Superiore Provinciale, e dal 1976 al 1982 Superiore Generale. Tornò per un anno a Trento, ma dall’83 fu sempre a S. Leonardo, collaborando al Santuario e anche come superiore della Comunità.

    Era stato ricoverato all’Ospedale Geriatrico di Verona tre giorni prima della morte, in seguito ad un ictus che gli aveva provocato una paresi laterale. Non si è più ripreso. La sua salute era minata da tempo, e non aveva più le forze per recuperare.

    Superiore Generale e Provinciale della Congregazione degli Stimmatini seppe coltivare l’amabilità verso tutti.

  • Padre Giuseppe Cappellina

    1970 – 1976

    NATO: Bagnolo (VI), 16.4.1916

    PRIMA PROFESSIONE: 1939

    SACERDOZIO: 1940

    MORTO: Verona, 23.9.2008

    ETÀ: 92 anni

    Entrò nell’Istituto nel 1927. Ha sempre tenuto una condotta esemplare. Nel 1933 emise i primi voti avendo avuto come Maestro P. Beniamino Miori. Compì gli studi filosofico-teologici (1935-1941) a Roma risiedendo presso la Comunità di S. Agata e laureandosi in teologia. Fu ordinato sacerdote il 6 giugno 1940 il giorno prima che scoppiasse la seconda guerra mondiale. 

    Oltre agli onerosi impegni per la ricostruzione delle Stimmate e successivamente di S. Leonardo fu chiesto da Vicario generale della Diocesi di Verona Mons. Albrigi, come formatore dell’Istituto D. Mazza (1952-1955) 

    Per diciotto anni fu consigliere provinciale (1946-1964) risiedendo alle Stimate. Dal 1958 al 1964 si dedicò alla costruzione del Santuario della Madonna di Lourdes sul colle S. Leonardo. Un anno (1964-1965) lo trascorse poi a Roma S. Agata come prefetto dei nostri Teologi. Dall’anno successivo continuò nello stesso compito risiedendo a S. Leonardo fino al 1970. 

    Nel Capitolo generale straordinario (1970) venne eletto Superiore generale.

    Fu un sessennio denso di impegni in cui ebbe modo di mettere a vantaggio dell’Istituto la sua naturale saggezza, accompagnata da un’ampia visione dell’Istituto. Furono anni anche di fermenti, e di crisi per diversi confratelli E’ stata sua la spinta a decentrare fortemente la Congregazione stimmatina dalle zone ove era tradizionalmente presente verso altri luoghi e frontiere. Trovò il tempo anche per fare approfondimenti in Diritto Canonico presso l’Angelicum Ebbe la gioia di vedere il P. Fondatore salire all’onore degli altari (1975) 

    Concluso il sessennio di generalato fu scelto dalla Provincia del S. Cuore come Superiore Provinciale (1976-1982). Diede impulso all’apertura della Casa di Ferrara, al potenziamento della nostra presenza in Sud Italia, all’apertura della nostra presenza in Cile.

    Nel Capitolo del 1982 tenuto a Campinas (Brasile) quando si decise di aprire una presenza nelle Filippine, da lui caldeggiata, dichiarò all’assemblea il suo «Nunc dimittis, Domine, servum tuum in pace».

    Ma il Signore gli riserbava ancora tanti anni per guidarci con la sua parola ed il suo esempio . Eccolo quindi disposto a dare il suo contributo alla comunità di Ferrara (1982-1984) come economo e padre Maestro.

    Nel 1984 fu assegnato alla prediletta casa di Sezano che stava avviando i primi passi come casa di spiritualità. P. Giuseppe vi rimase fino al 2007 quando in seguito ad una malattia incurabile che ormai aveva fatto troppa strada si ritenne di assegnarlo alla comunità di S. Leonardo. 

  • Padre Gilbert Fini

    1958 – 1968

    NATO: West Springfield Mass., 18.3.1916

    PRIMA PROFESSIONE: 9.09.1934

    SACERDOZIO: Newton Mass., 20.6.1942

    MORTO: Roma (S. Agata), 18.11.1968

    ETÀ: 52 anni

    Nato nella parrocchia del Carmelo a Springfield entrò tra gli aspiranti a Waltham nel 1929. A Roma iniziò gli studi di teologia, ma la guerra lo costrinse a ritornare in America assieme ai compagni. Diventò insegnante di filosofia e teologia per i nostri. Partecipò alla fondazione di Vancouver in Canada e prestò la sua opera nella predicazione. Nel 1955 veniva eletto superiore Provinciale. Nel 1958 divenne Superiore Generale, rieletto nel 1964. Amava molto la Congregazione: per essa viveva, operava, sperava, pregava e soffriva.

    Sorpreso da un collasso cardiaco poté soltanto domandare i Sacramenti prima di morire. Nei suoi dieci anni di governo diede sempre prova di grande equilibrio, di serenità e di alta saggezza.

  • Padre Dionigi Martinis

    1946 – 1958

    NATO: Savorgnano (UD), 6.11.1906

    PRIMA PROFESSIONE: 1926

    SACERDOZIO: Roma, 1931

    MORTO: Udine, 29.4.1962

    ETÀ: 56 anni

    Frequentò il corso di teologia a Roma, presso il Laterano e conseguì la laurea. Divenne prefetto degli studi e professore di teologia per i nostri a Verona. 

    Nel 1935 chiese di andare in Brasile dove esplicò le sue doti migliori come insegnante, padre spirituale, e padre maestro dei novizi. Nel 1942 venne a Roma come consigliere generale. Nel 1946 venne eletto superiore generale, e nel 1952 fu rieletto una seconda volta. Benché giovane egli governò la nostra famiglia religiosa con fermezza ed umiltà, mostrando a tutti l’esempio del perfetto religioso ed additando con sapienti insegnamenti le vere fonti della vita dello spirito, da porre a fondamento e base dell’apostolato. Terminato il secondo sessennio volle ritornare in Brasile e fu maestro dei novizi. Dopo due anni fu colpito da una misteriosa malattia ribelle a tutte le cure. Ritornato in Italia fu colto dalla morte quasi improvvisamente all’ospedale di Udine.

  • Padre Giovanni Battista Zaupa

    1922 – 1934; 

    1940 – 1946

    NATO: Chiampo (VI), 29.07.1883

    PRIMA PROFESSIONE: 1900

    SACERDOZIO: 1907

    MORTO: Verona (S. Leonardo),  25.01.1958

    ETÀ: 75 anni

    Ordinato sacerdote fu assistente dei nostri chierici prima ai Derelitti (S. Maria del Giglio) e poi alla SS. Trinità. Lavorò intensamente per la redazione delle costituzioni e nello stesso tempo si laureò in teologia a Roma (1912-1915). Insegnò un anno a Belluno, e poi partì per gli Stati Uniti (1916). Nel 1920 fu nominato Visitatore Ordinario. Nel 1922 veniva eletto Superiore Generale e nel 1928 veniva rieletto per un secondo e un terzo sessennio. A lui in buona parte, è dovuta la piena costituzione giuridica del nostro Istituto: approvazione pontificia delle Costituzioni, e la divisione in Province (1940-1946). A lui si deve la coraggiosa spinta ad un maggior sviluppo di tutta la nostra Congregazione in Cina, in Brasile e negli Stati Uniti. Fu lui che iniziò nel 1911 la pubblicazione del “Bertoniano”. Dopo il 1946 andò nuovamente negli Stati Uniti, ma per la poca salute e per l’età avanzata dovette rimpatriare. Negli ultimi suoi anni diede a tutti esempio di obbedienza e dipendenza dai superiori come fosse un giovane novizio. La sua grande autorità (per 18 anni, superiore generale) e le sue benemerenze non avevano velato in lui le virtù del buon religioso.

  • Padre Bruno Chiesa

    1934 – 1940

    NATO: Brunico (BZ), 22.3.1887

    PRIMA PROFESSIONE:  15.8.1905

    SACERDOZIO: Verona, 6.8.1911

    MORTO: Trento, 14.7.1952

    ETÀ: 65 anni

    Passò dall’oratorio di Trento fra i nostri aspiranti. Appena sacerdote fu addetto per qualche tempo ai collegi di Verona e di Udine, ma poi esplicò la sua attività nelle parrocchie di Roma e di Milano, nelle quali fu successivamente parroco e prevosto. Fu anche abile predicatore, assai apprezzato. 

    Nel 1934 fu eletto superiore generale, e durante il suo sessennio diede un notevole impulso alle fondazioni in Brasile. 

    Ritiratosi a Trento attese ancora alla predicazione di esercizi spirituali e al ministero della confessione.

  • Padre Giovanni Battista Tomasi

    1911 – 1922

    NATO: Bassano (VI). 24.01.1866

    ENTRATO: Verona 1879

    SACERDOZIO: Trento, 1890

    MORTO: Roma (S. Agata), 2.01.1954

    ETÀ: 88 anni

    Dopo l’ordinazione andò a Roma dove conseguì la laurea in teologia all’Apollinare. Per parecchi anni insegnò filosofia e teologia ai nostri studenti. Fu Direttore della Casa Madre fino al 1909. Diventò Rettore del Seminario di Belluno, ma fu subito eletto Superiore Generale nel 1911.

    Durando la guerra, la Santa Sede lo confermò nella sua carica fino al 1922, quando si poté tenere un Capitolo Generale. Da allora fu Procuratore Generale fino al 1952. Fu nominato Consultore della Congregazione dei Religiosi, fu Visitatore Apostolico presso diversi Istituti, che da lui ricevettero impulso e sviluppo. 

    Era manzoniano profondo ed era oratore forbito. Predicatore di esercizi. Sempre lucido fu colpito da trombosi cerebrale che lo spense placidamente. Incoraggiò e sostenne il Movimento dei Focolari nel difficile inizio.

  • Padre Pio Gurisatti

    1891 – 1911

    NATO: Gemona (UD), 22.4.1848

    SACERDOZIO: 1873

    MORTO: Verona (Stimate), 5.12.1921

    ETÀ: 73 anni

    Applicandosi ai sacri ministeri riuscì missionario efficace e stimato consigliere di anime. Fu direttore a S. Maria del Giglio e alle Stimate. Nel 1891 successe al Padre P. Vignola come Superiore Generale. Iniziò la causa di beatificazione del Padre Fondatore e si diede premura di accrescere il numero dei membri della Congregazione. Aprì le case di Udine, Gemona e Milano, ed inviò i primi Stimmatini nelle due Americhe. Nel 1907 trasferì la Curia Generale a Roma, ed anche là incontrò grande stima, come già godeva a Verona. Il Papa Pio X gli affidò la direzione del Seminario di Belluno (1910-1915). Dopo 20 anni di governo si ritirò nella casa delle Stimate.

  • Padre Pietro Vignola

    1875 – 1891

    NATO: Verona, 20.1.1812

    SACERDOZIO: 1836

    ENTRATO: Stimate, 1859

    MORTO: Verona (Stimate), 23.8.1891

    ETÀ: 79 anni

    Fu per 10 anni Vicerettore del Seminario diocesano; poi resse per 10 anni la chiesa di S. Pietro in Monastero (Duomo) e infine fu per tre anni Arciprete di S. Fermo Maggiore. Lasciò quell’incarico per entrare alle Stimate nel 1859. Dopo la professione dei Voti si occupò molto nei sacri ministeri, e fu anche professore di Morale in Seminario e Direttore dell’Oratorio Mariano. Eletto Superiore Generale nel 1875 resse la Congregazione per sedici anni. Fondò le case di Bassano, Pavia e Roma (S. Maria dei Miracoli). Nel 1890 ottenne dalla Santa Sede 1’approvazione dell’Istituto. Morì colpito da paralisi mentre scendeva dal pulpito.

  • Padre Giovanni Batista Lenotti

    1871 – 1875

    NATO: Verona, 5.9.1817

    ENTRATO: Stimate, 22.4.1834

    SACERDOZIO: 12.03.1842

    MORTO: Verona (Stimate), 5.9.1875

    ETÀ: 58 anni

    Ordinato sacerdote e riavutosi da una dolorosa malattia che lo travagliò per circa un anno, si applicò all’esercizio dei sacri ministeri sotto la guida del Bertoni che lo amava teneramente. Fu per molti anni Maestro dei novizi, indi prefetto degli studi, e morto il P. Marani, gli succedette nel governo della Congregazione. Era da tutti ammirato come modello del buon religioso, per zelo della regolare osservanza e per esimia pietà ed amore al prossimo. Lavorò indefessamente per il bene della Congregazione: composta la lite col regio demanio ultimò la fabbrica di S. Maria del Giglio, acquistò la proprietà della casa di Trento, avviò trattative con la S. Sede per avere una Missione estera, e condusse a buon termine le trattative per la fondazione di Parma.

  • Padre Giovanni Maria Marani

    1853-1871

    NATO: Verona (S. Stefano) – 5.5.1790

    SACERDOZIO: 4.6.1814

    ENTRATO: Stimmate – 4.11.1816

    MORTO: Verona – 1.7.1871

    ETÀ: 81 anni 

    Fin da quando era ragazzo fu strettamente unito al Bertoni, suo aiutante e suo intimo confidente. A lui, ancora chierico, il Bertoni rivelò il segreto di una futura fondazione. Entrato alle Stimate si occupò indefessamente nel fare scuola e nei ministeri sacri. Appena morto il Bertoni si diede gran premura di promuovere la costituzione giuridica della Congregazione, che sembrava vicina alla sua estinzione. Ricostruì il convento della Santissima Trinità, perché fosse sede del Noviziato; cominciò la costruzione della chiesa di S. Maria del Giglio (Derelitti). Sequestrati i beni della Congregazione e dispersi i suoi membri (1867) dovette esiliarsi in Casa Massalongo, dove si spense quattro anni dopo.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  • Facebook

Curia Generalizia dei Padri Stimmatini

Via Mazzarino, 16

00184 Roma Italia

tel. 0648930456

fax 0648913456

2020 Stimmatini © Tutti i diritti riservati

Credit: Hobo-sdc